La nostra storia


Le idee migliori nascono spesso dai sogni che quotidianamente viviamo nel nostro inconscio, ma che trovano nella realtà dei paletti che ne frantumano l’essenza. La necessità che quel qualcosa, lì imperterrito a impedirne l’attuazione, fosse cancellata era oramai necessaria. Una città ridotta ai minimi termini e senza occupazione per i loro cittadini, e con una passeggiata che non fosse solo schivare erbacce, buche, marciapiedi frantumati e sporcizia, ma che diventasse invece un cantiere a cielo aperto da mostrare ai nostri figli, era la necessaria trasformazione di un sogno alla dignitosa verità che auspicavamo del futuro. Quell’impellente sogno che culminava nello stupore della città dei sogni di tanti doveva prendere forma. Realtà da mostrare con orgoglio a chi mano nella mano, frutto del nostro sangue, portiamo con orgoglio a scoprire il mondo che li aspetta. Quello che c’era ieri e persiste tutt’ora non era ed è ancora presentabile alle generazioni del futuro. Indegnamente viviamo oggi sotto tanti aspetti e la certezza di un’alternativa vera a questa piatta realtà era da costruire. Dalla condivisione di queste problematiche con chi le sentiva proprie, a partire dalla mancanza della dignità lavorativa fino al decoro urbano, necessitava della solidarietà necessaria per la sua ricerca. Nacque così nel marzo del 2017 Onda Popolare, frutto di un problema comune e da una speranza che la fattiva realtà e il tangibile movimento di oggi, di cui siamo orgogliosi, fosse la leva per trasformare il sogno di ieri nella verità del futuro. Iniziammo ad aprirci l’uno con l’altro, a cercare di comprendere al meglio le dinamiche della Società nella quale viviamo. In poche parole abbiamo iniziato ad esser e operativi. Il primo intervento avvenne pochi giorni dopo dalla costituzione di questo movimento alla Frasca, oggi grazie a Gino De Paolis monumento naturale, rinunciando alla Pasquetta con le nostre famiglie, abbiamo pensato di recarci in questo giorno di festa agli ingressi per consegnare buste per la raccolta dei rifiuti. Abbiamo voluto lanciare in questo modo un messaggio tangibile di sensibilizzazione per il rispetto ed il mantenimento della pulizia, e quindi il rispetto della nostra “Frasca”. Il messaggio è stato ricevuto in pieno visti i risultati che si sono potuti verificare a fine giornata e il giorno seguente, tanto che, sull’onda del entusiasmo abbiamo ripetuto la consegna anche per il Primo Maggio. L’ambiente è una tematica che ci sta particolarmente a cuore e così, durante i festeggiamenti per i 120 anni della Compagnia Portuale di Civitavecchia, i volontari di Onda Popolare con la consulenza organizzativa e il supporto effettivo del Campione del Mondo di pesca subacquea in apnea Fabio Antonini e dell’Associazione i Tirreni, hanno effettuato la pulizia dell’Anfiteatro della Marina come gesto utile al recupero di qualche quintale di detriti e rottami di vario tipo che inquinavano il fondale di quel tratto di mare. Per sensibilizzare i giovani cittadini di Civitavecchia alla tematica della salvaguardia dell’ambiente, abbiamo invitato alcune classi della Scuola Elementare Cesare Laurenti a disegnare un cartellone che potesse rappresentare tale iniziativa. Conseguentemente all’iniziativa sono stati raccolti, differenziati e smaltiti, tutti i rifiuti così come prevedono sia le norme nazionali che il locale regolamento. Continuando nella elencazione delle attività di volontariato, utili a stimolare la scoperta del senso civico, e nella cura dell’ambiente e della Città rendendoci conto dell’esistenza in Città di monumenti esteticamente rovinati da scritte ed attacchinaggio di manifesti, per l’anniversario della deposizione del monumento dedicato all’Anarchico Pietro Gori, dislocato in Piazza Regina Margherita, grazie all’intervento dei nostri volontari è stato ripulito il monumento dalla sporcizia, scritte e manifesti pubblicitari. Inoltre, vivendo la Città e la vita quotidiana dei suoi diversi quartieri abbiamo constatato l’esistenza di varie e pesanti problematiche influenti sulla vita di tutti giorni, e dei propri abitanti. Coinvolgendo e sollecitando alla loro risoluzione il consigliere comunale di M.D.P./Insieme per il Lazio Patrizio Scilipoti, e grazie al suo fondamentale intervento, siamo riusciti a fare asportare alcuni alberi pericolanti in via Liguria. Restituendo dignità alla zona con la pulizia, oltre che dagli aghi di pino, della immondizia e dei detriti accumulati da anni, risolvendo una situazione indecorosa, igienicamente insostenibile per i cittadini, nonché pericolosa per abitanti e bambini che giocano quotidianamente all’interno del Parco. Un altro intervento per restituire alla piena vivibilità porzioni della nostra città è stato quello portato a compimento sotto al palazzo di via Frangipane, ex Nona. Dove oltre che effettuare la pulizia dai detriti, che ostruivano alcuni tombini per la raccolta delle acque piovane, li abbiamo ripristinati nelle strutture anche i tombini stessi considerando la loro fondamentale funzione per evitare accumuli di acque piovane, e quindi atto ad evitare l’allagamento del piazzale e dei magazzini circostanti. Dal mese di Settembre 2017, dopo alcuni mesi dedicati alla necessaria progettazione della iniziativa editoriale, abbiamo dato vita a un tabloid d’informazione che tratta argomenti generali della nostra città. Informazione in forma cartacea di quattro pagine che è distribuito dai nostri volontari nelle piazze, piazzali d’ingresso delle scuole superiori, mercati rionali e in tutti quei luoghi dove pullula la quotidianità della città. Tabloid mensile che tratta del sociale, dell’attività amministrativa della nostra città, della situazione del porto, di sindacato, di problematiche reali e conclamate e di qualunque esperienza e realtà del nostro vivere. 

Annunci